BANDO PER PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE AREE URBANE DEGRADATE

Bando per presentazione di proposte per la predisposizione del piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate.

Scadenza: 30 novembre 2015.

Ambito territoriale: Nazionale

Programma Presidenza del Consiglio dei Ministri
Settore di intervento
Il Bando è rivolto a tutti i Comuni, senza distinzione territoriale o dimensionale e consente di presentare richiesta di finanziamento per progetti di riqualificazione “costituiti da un insieme coordinato di interventi diretti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale”
Beneficiari
Possono presentare domanda di inserimento nel Piano le amministrazioni comunali che abbiano nel loro territorio la presenza di aree urbane degradate. Per area degradata si intende un territorio che presenti:

  • un indice di disagio sociale (IDS) pari o superiore all’unità. L’indice risulta dalla media ponderata degli scostamenti dei valori di alcuni indicatori: tasso di disoccupazione, tasso di occupazione, tasso di concentrazione giovanile, tasso di scolarizzazione.
  • un indice di disagio edilizio (IDE) pari o superiore all’unità. L’indice raffronta lo stato di conservazione degli edifici del’area urbana con il valore medio nazionale.

Gli indici possono essere calcolati secondo il modello messo a disposizione da Anci in collaborazione con Istat, al seguente indirizzo: www.anci.it. Possono presentare domanda i comuni sia singolarmente, sia in qualità di capofila di una aggregazione temporanea di comuni confinanti che hanno nel loro territorio la presenza di aree urbane degradate.

Entità del contributo
La dotazione del Fondo è di euro 44.138.500,00 per il 2015 e di euro 75.000.000,00  sia per il 2016 che per il 2017. Per ciascun progetto, il finanziamento a carico del Fondo non può essere inferiore a euro 100.000,00 e non può in ogni caso superare l’importo massimo di euro 2.000.000,00. I comuni e le aggregazioni temporanee di comuni possono presentare progetti che prevedano un costo complessivo superiore delle iniziative proposte, purché specifichino le ulteriori fonti di finanziamento disponibili.
Oggetto e criteri di valutazione dei progetti
I progetti devono essere costituiti da un insieme di interventi diretti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità urbana e alla riqualificazione del tessuto sociale, alla riqualificazione ambientale, anche mediante attivazione di servizi e interventi di ristrutturazione edilizia, alla riqualificazione e rigenerazione urbana con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali ed educativi e alla promozione delle attività culturali, didattiche e sportive, senza ulteriore consumo di suolo.
La graduatoria sarà stilata assegnando un punteggio variabile in base a quattro elementi di valutazione.
1) riduzione di fenomeno di marginalizzazione e degrado sociale (fino a 30 punti su 100)
2) miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale, anche mediante interventi ristrutturazione edilizia (fino a 30 punti)
3) capacità di coinvolgimento di soggetti e finanziamenti pubblici e privati (con attivazione di un effetto moltiplicatore delle risorse) (fino a 25 punti)
4) tempestiva esecutività degli interventi (fino a 15 punti).
Data e modalità di presentazione della domanda
Le domande devono essere inviate entro il termine perentorio del 30 novembre 2015 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari opportunità a mezzo posta elettronica certificata al seguente indirizzo: areeurbane.po@pec.governo.it, allegando tutti i documenti elencati nel bando al punto 4.

Scarica qui la scheda dettagliata
Bando Aree Urbane Degradate

You might also like

LIFE 2014-2020

Programma Europeo che finanzia progetti per l’Ambiente, tra le prioritá azioni per la tutela di natura e biodiversitá, per il Clima e sostegno all’Economia Circolare. Scadenze: settembre/ottobre 2015

INTERVENTI PER LA CREAZIONE DI OCCUPAZIONE STABILE

Contributi regionali per la creazione di occupazione stabile in Basilicata.           Scadenza: 31 dicembre 2015 Ambito territoriale: Basilicata

CONTRIBUTI PER LIBERI PROFESSIONISTI

Contributi finalizzati al finanziamento di programmi di investimento presentati da liberi professionisti operanti in Regione Campania. Scadenza: 23 marzo 2017  Ambito territoriale: Regione Campania