COME SI FINANZIA IL TURISMO

COME SI FINANZIA IL TURISMO

Con l’adozione del Quadro finanziario pluriennale dell’UE (QFP) per il 2014-2020, sono stati introdotti nuovi programmi, di seguito sono indicati quelli che principalmente interessano il settore del turismo, il tipo di azioni ammissibili al finanziamento, chi può presentare la candidatura, il livello di finanziamento.
Il settore del turismo è definito come il complesso delle destinazioni e dei servizi turistici promossi e sviluppati dai soggetti pubblici e privati, sia in modo diretto (ad es., uffici del turismo nazionali) che indiretto (enti di formazione per gli operatori del settore, ecc.).
Ogni fondo supporta azioni diverse a seconda della tipologia di dimensione su cui si vuole impattare.

TIPOLOGIE E LIVELLO DI FINANZIAMENTO DEI FONDI INDIRETTI

Il livello di finanziamento varia notevolmente, a seconda del progetto e del Programma operativo, in base alle esigenze regionali e alle scelte di ciascuno Stato membro. Tutti i progetti devono essere cofinanziati dai beneficiari, con un contributo massimo dell’UE che va dal 50% all’85% (95% in casi eccezionali) dei costi totali del progetto. Il contributo è erogato sotto forma di sovvenzioni a singoli beneficiari e a consorzi (tramite la concessione di prestiti, capitale di rischio e garanzie sul credito) oppure tramite gare d’appalto pubblico (per i servizi di sostegno, gli studi di fattibilità, ecc.).

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del FESR
    Questo programma può sostenere, ad esempio:
    –  Lo sviluppo di prodotti TIC per il turismo (app, data mining, ecc.);
    –  Lo sviluppo di servizi innovativi per il turismo (nuovi modelli di business, sfruttamento di nuove idee, prodotti turistici regionali per allungare la stagione turistica ecc.);
    –  Lo sviluppo di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto nei mercati di nicchia (turismo per la salute, turismo della terza età, culturale ed ecoturismo, gastronomico, sportivo, ecc.);
    –  Attività che collegano le regioni costiere all’entroterra per uno sviluppo regionale integrato;
    –  Misure per migliorare l’efficienza energetica e l’utilizzo delle energie rinnovabili da parte delle PMI turistiche;
    –  La tutela, la promozione (campagne turistiche che si inseriscono in una strategia di mercato e che siano accompagnate da altre azioni di sostegno;
    –  Infrastrutture turistiche culturali e sostenibili di piccole dimensioni;
    –  Misure a favore dell’imprenditoria, del lavoro autonomo e della creazione d’impresa, e a favore dell’internazionalizzazione delle PMI e dei cluster turistici;
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Tutte le persone giuridiche (enti pubblici, società, in particolare le PMI, organismi di ricerca, università, organizzazioni non governative, cluster turistici, ecc.)


  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del FSE
    I finanziamenti del Fondo sociale europeo possono essere utilizzati, fra le altre cose, per:
    –  Formazione professionale, miglioramento delle competenze.
    –  Formare i lavoratori e assistere le imprese che devono affrontare una ristrutturazione o la carenza di lavoratori qualificati;
    –  Formare i soggetti in difficoltà e quelli appartenenti a gruppi svantaggiati;
    –  Sostenere l’apprendimento reciproco, la creazione di reti, la diffusione e la promozione di buone pratiche e metodologie nell’ambito dell’innovazione sociale.
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Tutte le persone giuridiche attive sul mercato del lavoro o nei settori dell’istruzione e della formazione (ad es., PMI, camere di commercio, sindacati, fondazioni, ONG, ecc.). Il FSE può anche sostenere azioni tramite strumenti finanziari, fra cui i microcrediti e i fondi di garanzia.

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento dell FEASR
    Le azioni ammissibili sono elencate nei “Programmi di sviluppo rurale” (PSR) nazionali e regionali stilati dagli Stati membri. A seconda delle scelte operate, i PSR possono finanziare:
    –  Azioni di formazione professionale e acquisizione delle competenze, attività dimostrative e d’informazione;
    –  Servizi di consulenza per aiutare gli imprenditori agricoli, i proprietari di terreni boschivi, altri gestori di terreni a migliorare il risultato economico delle loro attività;
    –  Incentivi all’avvio di attività economiche, investimenti per le “attività non agricole” nelle zone rurali;
    –  Redazione e aggiornamento di piani per lo sviluppo dei comuni e dei villaggi nelle zone rurali;
    –  Investimenti con finalità pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala;
    –  Studi e investimenti relativi alla manutenzione, al ripristino e alla riqualificazione del patrimonio culturale e naturale dei villaggi, del paesaggio rurale e dei siti ad alto valore naturalistico;
    – Cooperazione tra almeno due soggetti (creazione di cluster e reti; cooperazione tra piccoli operatori per condividere impianti e risorse per sviluppare e/o commercializzare servizi turistici inerenti al turismo rurale; ecc.).
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Ogni persona fisica o giuridica attiva nelle zone rurali (imprenditori agricoli, società operanti nel settore forestale, PMI che operano nelle zone rurali, ecc.), Gruppi di azione locale (GAL)

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del FEAMP
    Il FEAMP può sostenere attività come:
    –  Studi, progetti, compresi quelli sperimentali e di cooperazione;
    –  Conferenze, seminari, forum e workshop;
    –  Informazione del pubblico e condivisione delle migliori pratiche, campagne di sensibilizzazione e relative attività di comunicazione e divulgazione, come campagne pubblicitarie, eventi, sviluppo e manutenzione di siti Internet, piattaforme per le parti interessate;
    –  Formazione professionale, apprendimento permanente e acquisizione di nuove competenze professionali che permettano agli operatori del settore della pesca o ai loro congiunti di avviare attività turistiche o condurre attività complementari nel settore del turismo.
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Tutte le persone fisiche e giuridiche delle comunità costiere e dell’entroterra
TIPO E LIVELLO DI FINANZIAMENTO DEI FONDI DIRETTI

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del LIFE
    Le principali azioni che potrebbero incentivare il turismo sono quelle a sostegno dei progetti ambientali e di conservazione della natura nell’UE. I settori prioritari sono:
    –  Ambiente e uso efficiente delle risorse;
    –  Natura e biodiversità;
    –  Governance e informazione in materia ambientale
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Tutte le persone giuridiche (PMI, ONG, autorità pubbliche, ecc.)

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del HORIZON2020
    Il Programma dell’UE di ricerca e innovazione, i settori più interessanti per il turismo probabilmente sono:
    –  I fondi delle “azioni Marie Curie” sono destinati in particolare al sostegno di “Borse di ricerca individuali”, “Reti di formazione innovative”, “Scambi di personale della ricerca e dell’innovazione”.
    –  “Azioni innovative” sviluppano, tra le altre cose, prodotti, strumenti, applicazioni e servizi delle TIC innovativi per i settori culturale e creativo con un elevato potenziale commerciale e d’innovazione, “azioni di coordinamento e di sostegno” sono incentrate su attività non di ricerca come la diffusione dei risultati e la promozione dell’uso delle innovazioni guidate dalle TIC, grazie a una rete sostenibile di “moltiplicatori”.
    –  La sottosezione “Società riflessiva” sostiene azioni riguardanti la trasmissione del patrimonio culturale europeo, la conservazione dei panorami culturali delle zone marittime e costiere europee, i beni culturali digitali e i musei virtuali, la modellizzazione 3D del patrimonio culturale e modelli innovativi per il riuso del patrimonio culturale.
    –  Lo “SME Instrument” sostiene la fattibilità tecnica e commerciale di un prodotto innovativo e lo sviluppo di un piano aziendale, dallo studio iniziale fino alla fase di commercializzazione.

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del COSME
    Programma dell’UE per la competitività delle piccole e medie imprese (PMI), sostiene le PMI in quattro ambiti:
    –  Lo sviluppo e/o la promozione di prodotti turistici tematici transnazionali sostenibili (in relazione, ad esempio, a itinerari europei dedicati ad aspetti specifici del nostro patrimonio industriale e culturale, percorsi ciclabili, ecoturismo, zone marittime e di immersione subacquea, ecc.);
    –  Lo sviluppo e/o la promozione di prodotti di nicchia che sfruttano le sinergie fra il turismo e le industrie creative a livello europeo (ad es., l’Itinerario europeo dei prodotti di eccellenza);
    –  Partenariati pubblici e privati transnazionali che sviluppino prodotti turistici destinati a fasce d’età specifiche per aumentare i flussi turistici fra i paesi europei durante la bassa stagione o quella intermedia;
    –  Potenziamento del “turismo accessibile” (cioè a prescindere da limitazioni fisiche, disabilità o età) in cui i destination manager, gli imprenditori, ecc. possono imparare da operatori di successo esperti nel campo dell'”accessibilità”, creare sinergie con altri operatori della filiera, esplorare nuove opportunità di mercato e modi di fare impresa.
    –  ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI programma di scambio che consente ai giovani imprenditori di passare da 1 a 6 mesi con un imprenditore esperto69 operante in un altro paese europeo e disposto a svolgere attività di mentoring.

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del EUROPA CREATIVA
    –  Il “sottoprogramma Cultura” finanzia attività transnazionali dentro e fuori dell’UE, finalizzate a sviluppare, creare, produrre, diffondere e preservare beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o creative. Fra le azioni ci sono le attività di sviluppo delle abilità, delle competenze e delle conoscenze, fra cui l’adattamento alle tecnologie digitali; il collaudo di nuove forme di modelli di business e di gestione; l’organizzazione di attività culturali internazionali, come eventi, mostre, scambi e festival itineranti; la promozione dell’interesse per le opere culturali e creative europee.
    –  Il “sottoprogramma Media” per le industrie dell’audiovisivo, si incentra principalmente sullo sviluppo e sulla distribuzione di film, programmi televisivi europei, ma prevede tra le sue azioni temi che potrebbe essere d’interesse per il settore del turismo nelle sue iniziative di promozione e presentazione di opere audiovisive a livello europeo, o volte alla promozione dell’alfabetizzazione;
    Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
    Tutte le persone giuridiche attive nei settori culturale e creativo; per la presentazione delle candidature, è necessario avere personalità giuridica da almeno 2 anni alla data di scadenza del bando.

  • Tipo di azioni in ambito turistico ammissibili al finanziamento del ERASMUS +
    Mira a promuovere e migliorare le competenze e l’occupabilità e a modernizzare l’istruzione e la formazione anche nel settore turistico
    –  Progetti di mobilità rivolti a discenti, studenti e personale di istituti di istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale (IFP);
    – Cooperazione fra istituti d’istruzione, imprese, autorità locali e regionali e ONG, soprattutto programmi di studio internazionali integrati; partenariati strategici che consentono alle organizzazioni di diversi settori socioeconomici di sviluppare e trasferire cose, pratiche innovative per una migliore qualità dell’insegnamento, della formazione, per sviluppare approcci nuovi, innovativi e multidisciplinari; per facilitare lo scambio, il flusso e la creazione congiunta di conoscenze fra istruzione superiore e imprese, progettare ed erogare programmi di formazione professionale e applicare metodologie di insegnamento e formazione che siano particolarmente attente all’apprendimento basato sul lavoro e a fornire ai discenti le abilità richieste dal mercato del lavoro);
    –  Eventi sportivi europei senza scopo di lucro.
FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI – FEIS

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI (FEIS) é un fondo, varato da CE e BEI, che mette a disposizione strumenti di finanziamento del rischio (quindi non sovvenzioni) tramite la Banca europea per gli investimenti, basati non su quote geografiche o settoriali ma sulla domanda del mercato per il finanziamento di investimenti strategici allo sviluppo.
Finanzia ogni tipo di operazione o investimento utile per lo sviluppo di attività turistiche, ovunque nell’UE, inclusi i progetti transfrontalieri.

Tali azioni possono incentrarsi su:
–  Infrastrutture di trasporto (aeroporti, porti regionali, ecc.);
–  Efficienza energetica di alberghi e resort turistici;
–  Rilancio di siti dismessi, a scopi ricreativi;
–  Accordi di finanziamento delle piccole e medie imprese del settore turistico;
–  Istituzione di “Piattaforme d’investimento” (PI) dedicate al turismo.
Chi può presentare la candidatura nel settore del turismo?
Tutte le persone giuridiche (enti pubblici, società e in particolare le PMI, organismi di ricerca, università, organizzazioni non governative, cluster turistici, ecc.) tramite intermediari finanziari.

Scarica qui il documento completo
Guide EU funding for tourism – 2016 April – IT

You might also like

PROGRAMMA LIFE 2014-2020 – PROGETTI ITALIANI APPROVATI

Pubblicati lo scorso 20 novembre i progetti approvati nel quadro di un invito chiuso nel giugno 2014, la Commissione ha ricevuto 1.117 domande, di cui sono state selezionate 96, mobilitando

COME SI FINANZIA IL TURISMO

Con l’adozione del Quadro finanziario pluriennale dell’UE (QFP) per il 2014-2020, sono stati introdotti nuovi programmi, di seguito sono indicati quelli che principalmente interessano il settore del turismo, il tipo

RAPPORTO 2015 SULLE INDAGINI ANTI-FRODE DEI FONDI EUROPEI

Pubblicato da poco il rapporto 2015 dell’Ufficio Europeo Antifrode, l’Olaf, sulle attività investigative svolte nella lotta contro la frode ai danni del budget europeo.