CULTURA CREA

CULTURA CREA

Incentivi per le imprese culturali delle regioni del Sud
Partenza: 15 Settembre 2016
Ambito territoriale: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Programma

PON Cultura e Sviluppo

Obiettivo
Cultura Crea è un programma di incentivi per creare e sviluppare iniziative imprenditoriali nel settore dell’industria culturale-turistica e per sostenere le imprese no profit che puntano a valorizzare le risorse culturali del territorio nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
Cosa Finanzia Il programma prevede tre linee di intervento.
1. Creazione di nuove imprese nell’industria culturale: supportare la nascita di nuove imprese;
2. Sviluppo delle imprese dell’industria culturale: consolidare e sostenere l’attività di imprese esistenti;
3. Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale: favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla cultura.
Beneficiari Per la linea 1: team di persone fisiche che vogliono costituire una impresa, purché la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni; le imprese costituite in forma societaria da non oltre 36 mesi, comprese le cooperative.
Per la linea 2: le imprese costituite in forma societaria  da non meno di 36 mesi, comprese le cooperative;
Per la linea 3: imprese e soggetti del terzo settore, in particolare: ONLUS ed imprese sociali.
Aree di intervento 1. Creazione di nuove imprese nell’industria culturale:
conoscenza: sviluppo o applicazione di tecnologie che permettano di creare, organizzare, archiviare e accedere a dati e informazioni sull’industria culturale.

– conservazione: sviluppo o applicazione di modalità e processi innovativi per le attività legate a restauro/manutenzione e recupero del patrimonio culturale come materiali, tecnologie, analisi della gestione dei rischi, valutazione dei fattori di degrado e tecniche di intervento, ecc.
fruizione: modalità e strumenti innovativi di offerta di beni, anche in forma integrata con le risorse del territorio, processi innovativi per la gestione – acquisizione, classificazione, valorizzazione, diffusione – del patrimonio culturale e risorse del territorio; piattaforme digitali, prodotti hardware e software per nuove modalità di fruizione e nuovi format narrativi, di comunicazione e promozione
gestione: sviluppo di strumenti e soluzioni applicative in grado di ingegnerizzare le attività di gestione di beni e attività culturali
2. Sviluppo delle imprese dell’industria culturale:
servizi per la fruizione turistica e culturale

promozione finalizzata alla valorizzazione delle risorse culturali
recupero e valorizzazione di produzioni tipiche locali
3. Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale:
– attività collegate alla gestione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio

– attività collegate alla fruizione degli attrattori e delle risorse culturali del territorio
– attività di animazione e partecipazione culturale
Incentivi Gli incentivi consistono in un finanziamento agevolato a tasso zero e contributo a fondo perduto sulle spese ammesse, con una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità. 

1. Creazione di nuove imprese nell’industria culturale.
Sono finanziabili programmi di investimento fino a 400.000 euro e prevedono congiuntamente:

– un finanziamento agevolato a tasso zero, fino al 40% della spesa ammessa;
– un contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammessa;
In entrambi i casi il tetto delle agevolazioni è elevabile al 45% per i progetti presentati da imprese femminili, giovanili o in possesso del rating di legalità.

2. Sviluppo delle imprese dell’industria culturale. 
Sono finanziabili programmi di investimento fino a 500.000 euro attraverso:

– un finanziamento agevolato a tasso zero fino al 60% della spesa ammessa, elevabile al 65% per impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità
– contributo a fondo perduto fino al 20% della spesa ammessa, elevabile al 25% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.

3. Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale. 
Sono finanziabili programmi di investimento fino a 400.000 euro e prevedono: 

– un contributo a fondo perduto fino all’80% della spesa ammessa, elevabile al 90% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.
Dotazione finanziaria Le risorse disponibili ammontano complessivamente a circa 107 milioni di euro, suddivisi in: 
42 milioni per la nascita di nuove imprese; 
38 milioni per il sostegno alle imprese già attive; 
27 milioni per il terzo settore. 
E’ prevista una dotazione finanziaria aggiuntiva di 7 milioni di euro da ridistribuire proporzionalmente sui tre filoni.
Scadenza e domanda
Il programma è gestito da Invitalia. La possibilità di presentare domanda partirà dal 15 settembre 2016, qui tutti i moduli per presentare la domanda. Maggiori informazioni cliccando qui. Sono previste giornate informative in tutte le regioni, qui il calendario degli eventi. Sarà possibile presentare la domanda solamente on-line.

Come funzionano gli incentivi: Cultura Crea 

You might also like

CREATIVE CLUSTERS – BENI CULTURALI E TURISMO DELLA CITTA’ DI POMPEI

Avviso di selezione di idee innovative nel settore dei beni culturali della città di Pompei. Scadenza: 5 ottobre 2015 Ambito territoriale: Regione Campania Promotore Sviluppo Campania Settore di intervento “Creative Clusters

SANITÁ E SICUREZZA SUL LAVORO

Incentivi alle imprese per la realizzazione di progetti di investimento per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi lavoro. Scadenza: 5 maggio 2016. Ambito territoriale: Nazionale

AZIONI URBANE INNOVATIVE

Azioni innovative nel campo dello sviluppo urbano sostenibile. Scadenza: 31 Marzo 2016. Ambito territoriale: Europeo