IL SISTEMA DI CONTROLLO NELLA GESTIONE DEI FONDI STRUTTURALI

IL SISTEMA DI CONTROLLO NELLA GESTIONE DEI FONDI STRUTTURALI

ORGANISMI DI FUNZIONE DEI FONDI A GESTIONE INDIRETTA

Per gestire ciascun Programma Operativo il Regolamento europeo 1303/2013 designa un’autorità di gestione, una di certificazione e una di audit, ognuna con specifiche funzioni:

• Un’autorità di gestione (nel caso dei POR è l’Ente Regione) è incaricata di mettere in atto i programmi operativi e un comitato di monitoraggio che ne supervisioni i lavori. È il responsabile della gestione e dell’attuazione, è tenuta a garantire che i progetti da finanziare siano selezionate conformemente ai criteri del programma operativo e siano conformi alle norme comunitarie e nazionali applicabili per l’intero periodo di attuazione;
• Un’autorità di certificazione verifica lo stato delle spese e le richieste di pagamento prima che vengano trasmesse alla Commissione. È incaricata di verificare che le spese siano conformi alle normative comunitarie e nazionali. Dopo aver effettuato i controlli trasmette le domande di pagamento.
• Un’autorità per la revisione dei conti (Audit), accerta il funzionamento efficiente del sistema di monitoraggio e controllo, è l’organismo che pianifica, gestisce e coordina le attività di controllo lungo tutto il periodo di programmazione, al fine di garantire l’efficacia dei sistemi di gestione/controllo e la correttezza delle operazioni.

Nel regolamento é indicato inoltre che per ciascun programma operativo lo Stato membro designa un’autorità pubblica o un organismo pubblico nazionale, regionale o locale quale autorità di audit, funzionalmente indipendente dall’autorità di gestione e dall’autorità di certificazione. Per i fondi in relazione all’obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione e nel caso del FEAMP, purché sia rispettato il principio della separazione delle funzioni, l’autorità di gestione, l’autorità di certificazione, se del caso, e l’autorità di audit possono fare parte della stessa autorità pubblica o dello stesso organismo pubblico.

IL SISTEMA DEI CONTROLLI

fasi di controlloI controlli di I livello amministrativi, di responsabilità dell’Autorità di Gestione, sono volti a garantire, nel corso della gestione, la correttezza, la regolarità e la legittimità dell’esecuzione degli interventi sotto l’aspetto contabile e finanziario. L’attività di controllo di I livello, infatti, ha lo scopo di assicurare un impiego efficiente e regolare dei contributi che devono essere utilizzati nel rispetto dei principi di sana gestione finanziaria, quindi:

  • che le spese dichiarate siano reali;
  • che prodotti e servizi siano forniti conformemente alla decisione di approvazione;
  • che le domande di rimborso del Beneficiario siano corrette;
  • che le spese siano conformi alle norme comunitarie e nazionali;
  • che le spese non ricevano un doppio finanziamento, correttezza e regolarità delle procedure in materia di appalti e contratti pubblici

I controlli di I livello in loco includono:

  • verifiche amministrative di tutte le domande di rimborso presentate dai Beneficiari;
  • verifiche in loco di singole operazioni ovvero verifica dell’effettività delle attività realizzate e/o dei beni servizi forniti/erogati.

Le verifiche in loco devono riguardare operazioni che hanno una spesa già rendicontata e sono svolte su un campione di operazioni, devono essere, successive alle verifiche amministrative. Può succedere dunque che la spesa ritenuta ammissibile a seguito delle verifiche amministrative sia inferiore a quella presentata dal beneficiario.

I controlli di II livello in loco sono effettuati dall’Autorità di Audit in modo indipendente dai controlli di primo livello. Essi sono svolti su due livelli e prevedono audit di sistema e audit delle operazioni: l’audit di sistema mira a verificare l’efficacia del sistema di Gestione e Controllo nel garantire la corretta verifica e certificazione delle spese; l’audit delle operazioni è svolto secondo un piano annuale di verifiche mediante attività desk e verifiche in loco. A seguito delle attività di controllo, in base alla natura e alla gravità delle irregolarità riscontrate vengono presi provvedimenti che possono andare da semplici richiami fino alla rideterminazione o alla revoca parziale o totale del finanziamento, anche attraverso il recupero delle somme già erogate con relativi interessi, ed essere accompagnati da comunicazioni alla Commissione Europea o all’OLAF e dall’avvio di procedimenti giudiziari.

L’Audit della Commissione (da parte della DG Regio) é un ulteriore controllo di II livello sul rispetto della normativa, sulla documentazione e certificazione presentata ma anche sull’Autorità di Gestione o Audit stessa.

La Corte dei Conti Europea controlla che i fondi dell’UE siano raccolti e utilizzati correttamente. In quanto revisore esterno indipendente dell’UE, la Corte dei Conti Europea tutela gli interessi dei contribuenti dell’UE. Non è dotata di poteri legali, ma opera per migliorare la gestione da parte della Commissione europea del bilancio dell’UE e riferisce sullo stato delle finanze dell’Unione. Segnala i casi sospetti di frode, corruzione o altra attività illegale.

OLAF: l’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) indaga sui casi di frode ai danni del bilancio dell’UE a seguito di segnalazioni.



You might also like

FONDI 2007-13: A CHE PUNTO SIAMO?

Programmazione 2007-13: budget allocato per Stato Membro, percentuali di spesa dei fondi, posizione dell’Italia nella classifica europea.

COME SI FINANZIA IL TURISMO

Con l’adozione del Quadro finanziario pluriennale dell’UE (QFP) per il 2014-2020, sono stati introdotti nuovi programmi, di seguito sono indicati quelli che principalmente interessano il settore del turismo, il tipo